In Cecenia chi racconta verità continua a morire

Share

Il 7 ottobre del 2006 veniva assassinata a Mosca Anna Politkovskaya, la giornalista russa famosa in tutto il mondo per i suoi reportage sugli orrori della guerra in Cecenia e gli abusi compiuti dalle truppe federali. Putin aveva commentato l’omicidio di Anna con un freddo “non la conosceva nessuno”. Oggi che fa notizia in tutto il mondo l’uccisione a Grozny, in Cecenia, di Natalia Estemirova, giornalista impegnata nella lotta alla repressione russa e a criticare la violazione dei diritti umani compiuti dalle forze dell’ordine del regime filorusso di Grozny del Presidente ceceno Kadyrov, le parole del nuovo Presidente Medvedev forse suonano meno fredde ai familiari, agli amici, alla stampa internazionale: si è dichiarato “indignato” Medvedev e ha dichiarato di voler punire i colpevoli “il più duramente possibile, visto che è evidente che l’omicidio è legato all’attività di difesa dei diritti umani della Estemirova”.

Anna  Politkovskaya l’hanno uccisa sparandole prima al cuore e poi alla testa davanti casa sua alla periferia di Mosca, Natalia è stata freddata a Grzny con le stesse modalità: “ferite d’arma da fuoco al torace e alla testa”. Come fosse questo il metodo “predisposto” per la strage di verità; un metodo che ricorda quello mafioso. Anna  Politkovskaya lasciò la sua ultima inchiesta sulle torture in Cecenia dei Russi per il suo giornale, la testata “Novaya Gazeta”. Ma non venne pubblicata perché sequestrata dai servizi segreti e dalla polizia che effettuava le indagini. Dopo quasi tre anni ancora nessun colpevole però. “L’omicidio della Politkovskaya – aveva dichiarato, all’indomani dell’omicidio, Dimitri Muratov, direttore del giornale su cui scriveva Anna –  sembra essere una punizione per i suoi articoli.” Come Anna, anche Natalia “ha pagato la sua lotta contro gli abusi”. Cercare gli “scomparsi” dopo gli arresti della polizia, denunciare omicidi e torture, dare un nome e un volto ai responsabili di pestaggi, sparatorie. Anche nella Russia di Medvedev, chi dice la verità sulla Cecenia continua a morire. Perché, a guardare indietro nel tempo, Anna  Politkovskaya e Natalia Estemirova non sono le uniche giornaliste uccise nella Russia “democratizzata”. Come ha ricordato bene Giuliano Ferrara su Il Foglio del 17 luglio scorso, anche Stanistlav Merkolov e Anastasia Baburova sono stati uccisi nel gennaio scorso. Lui, avvocato, si occupava di seguire le denunce fatte dai cittadini ceceni mentre lei scriveva verità scomode su Novaya Gazeta, lo stesso giornale di Anna. In Russia, fa notare Ferrara, sono morti 125 giornalisti in sedici anni e, per 19 di questi casi sono stati riconosciuti come omicidi. Ma per la morte di nessuno di loro c’è ancora un colpevole. Ferrara dimentica però che tra i giornalisti morti in Cecenia c’è anche un italiano: Antonio Russo, inviato di Radio Radicale di cui la stampa italiana si occupò poco rispetto alla risonanza internazionale che ebbe quell’omicidio del 16 ottobre del 2000. Fu trovato morto vicino ad un passo di montagna caucasico, mentre cercava di documentare quello che stava avvenendo in Cecenia. Un giornalista italiano, morto in Cecenia, nel Caucaso, e per il quale ancora oggi non c’è un colpevole. Sul britannico “The Observer”, Amelia Gentleman e Rory Carrol, rispettivamente corrispondenti da Mosca e Roma del quotidiano, l’11 novembre del 2000, a meno di un mese dall’omicidio, scrissero un articolo: “Il reporter è stato ucciso dai servizi segreti russi?”. “Abbandonato sul ciglio di una strada (…) il contorto, congelato cadavere aveva qualcosa di strano. Antonio Russo – scrivono le giornaliste – era stato ucciso e i suoi assassini si erano assicurati di non lasciare segni sul suo corpo”. E ancora: “Il suo telefono satellitare, la telecamera digitale, il computer portatile e le videocassette erano sparite. (…) Gli amici di Russo (della Radio ndr) credono che lui sia stato assassinato dai servizi segreti russi dopo aver scoperto l’uso di armi non convenzionali contro i bambini”. E in effetti che il cadavere di Antonio Russo avesse qualcosa di strano era evidente: il petto sfondato come se ci fosse passato un autocarro. Uno servizio che sarebbe valso lo scoop che Russo non cercava quando ricercava la verità e tentava di aiutare i bambini che incontrava sulla sua strada. Uno scoop per un reporter che aveva rischiato la vita in Africa, in Bosnia e in Kosvo come inviato di Radio Radicale. Un incidente disse qualcuno giustificando con un forse l’assurdità della dichiarazione. Chi l’avesse ucciso poteva rimanere nel dubbio, ma che si trattava di un assassinio era evidente. Ma anche di quei colpevoli, dopo quasi dieci anni, non si conoscono i nomi né le motivazioni. In Italia la sua morte, il suo omicidio, fu quasi snobbato dalla stampa nazionale mentre grande risalto gli venne riservato da quella internazionale. Al funerale della  Politkovskaya a Mosca era presente, dei Parlamentari europei, soltanto Marco Pannella che rese l’estremo omaggio alla giornalista “che ci ha raccontato – disse rivolgendosi poi ai colleghi parlamentari – che ci ha raccontato quello che non avete voluto sentire né vedere”.

Oggi che Medvedev sembra aprire uno spiraglio sulla possibilità di punire i colpevoli, perché l’Europa non gli chiede di trovare i colpevoli? O è solo la Russia del gas che ci interessa mentre continuiamo a distrarci sulla violazione dei diritti umani che li si compiono?

Giuseppe Candido