Insegnanti: pazzi per la #scuola, sviliti dalla #politica

Share

di Giuseppe Candido

A insegnare si diventa matti? Oppure, soli matti fanno gli insegnanti?

Per Vittorio Lodolo D’Oria, medico specialista che si occupa del “disagio mentale professionale” del corpo docente dal 1998, e al quale molti docenti hanno rivolto questa domanda, “sono vere entrambe le cose”.
Ma il problema, aggiunge, è che “entrambe le cose non sono note”.
Pazzi per la scuola, il burnout degli insegnanti a 360°: Prevenzione gestione in 125 casi, è il titolo completo di una delle sue “fatiche editoriali” (Alpes ed., 2010, pag.356, Isbn 9788865310021) nella quale spiega come, quella del docente sia, in realtà, una “professione usurante” tanto da poter “far impazzire anche i più sani”.
Come lo stesso autore ha spiegato ad una nutrita platea di docenti intervenuti al convegno a Lamezia Terme organizzato dalla Gilda di Catanzaro lo scorso anno scolastico, si tratta di “Una raccolta di storie, esperienze e testimonianze di professori stakanovisti, di docenti scoppiati, di insegnanti ammalati, che si aggirano nelle aule come zombie, senza che nessuno li aiuti, e al contempo protegga la giovane utenza”.
Il libro non disamina tutte e tre le diverse “popolazioni” di docenti che il titolo riesce, invece, come evidente intenzione dell’autore, ad evocare: quella degli “insegnanti eroici”, fortemente appassionati alla loro professione alla quale dedicano “anima e corpo” tanto da risultare folli agli occhi dei più; quella dei “docenti stressati, logorati, se non addirittura impazziti”, a causa di 1000 problemi non solo scolastici; e quella dei docenti che, invece, risultato “affetti da una vera e propria psicopatologia”: 2,4% psicosi e 12% con disturbi depressivi, secondo le fonti (europee, del 2008) utilizzate dall’autore.
In pratica significa che, su un milione di insegnanti italiani, mediamente, 24mila sono psicotici e 120mila depressi.
Per l’autore – che si concentra su quest’ultima – non c’è dubbio che, quella del docente sia un professione “particolarmente esposta ad usura psicofisica”, tanto da farne uno di quelle professioni che chiama “helping profession”, per le quali la vigente normativa per la sicurezza (D. Leg.vo 81/2008, art.28) prevede che siano “individuati e contrastati i rischi specifici della professione e lo stress da lavoro correlato”.
Non ci sono solo i disturbi vocali, quindi. Insegnare, anche per la scarsa considerazione sociale ed economica, può risultare usurante.
Incurante di tutto ciò oltreché del fatto che gli stipendi dei docenti italiani sono tra i più poveri d’Europa (cosa che influisce non poco sulla tranquillità e sulla psiche), il Governo del rottamatore, con la proposta di riforma della scuola, paradossalmente titolata “La buona scuola”, anziché valorizzare vuole peggiorare la dignità e il ruolo stesso degli insegnanti, bloccando loro gli scatti, un minimo di aumento salariale che oggi hanno, e condannandoli al salario d’ingresso.
Anziché riconoscere loro quanto già fanno con i loro stipendi assai inferiori a quelli dei colleghi europei; anziché stabilizzare i precari come chiede la Giustizia europea, per “la buona scuola” si pensa a racimolare il gruzzolo necessario a fare l’assunzione di 150mila precari, bloccando loro e a tutti i docenti gli scatti fino al 2018, e istituendo la banca delle ore da recuperare per non pagare più supplenze.
Siamo pazzi? Pazzi per la scuola? Macché: qui è la politica italiana che è diventata pazzesca, ubriaca dalle prebende, dalle tangenti e da malaffare, oltreché immemore del fatto che, solo investendo sulla scuola, sui saperi di base e sulla ricerca universitaria, si può davvero sperare di invertire la rotta di un paese che non cresce più.